IL BONUS FACCIATE - DETRAZIONE FISCALE DEL 90%

COS'È

Il bonus facciate è un provvedimento inserito dal Governo nella manovra per portare dal 50% al 90% la detrazione fiscale sulle spese sostenute nel 2020 per il restauro delle facciate degli edifici.

Lo scopo è quello di abbellire l’aspetto esteriore delle abitazioni invitando i proprietari a eseguire dei lavori incentivandoli da un punto di vista economico attraverso una detrazione fiscale molto elevata.

 

PER QUALI IMMOBILI?

Il bonus facciate interessa sia i condomini sia le villette unifamiliari e sarà compatibile con altre agevolazioni come l’ecobonus, sismabonus o il classico recupero edilizio al 50%. Le caratteristiche della detrazione (a parte la percentuale) sono praticamente le stesse di quelle previste per i lavori di ristrutturazione edilizia.

bonus-facciate-2020jpg

Per beneficiare dell’agevolazione, l’edificio su cui vengono realizzati i lavori deve essere «esistente» e trovarsi in una zona omogenea A o B. In altre parole, non si ha diritto al bonus nelle zone destinate a nuovi complessi con bassa densità di ubicazione.

 

QUALI LAVORAZIONI E SPESE SONO AMMESSE?

Il bonus facciate spetta per lavori di manutenzione straordinaria ma anche di manutenzione ordinaria dell’esterno di un edificio.

Quindi salvo modifiche è possibile usufruire dell’agevolazione quando vengono effettuati, ad esempio, dei lavori di: riparazione, rinnovamento e sostituzione delle finiture, tinteggiatura esterna delle pareti o gronde, realizzazione di intonaci termoisolanti, realizzazione di isolamento a cappotto ecc…

Attenzione: viene specificato che i lavori che accedono al 90% delle detrazioni riguardano solo le parti opache dell’edificio, i balconi e gli ornamenti. Significa che restano fuori le opere sugli infissi, le grondaie, i pluviali e i cavi (per questi rimane la detrazione al 50%).

Quindi anche la sola pulizia e tinteggiatura della facciata permette di accedere al bonus!
bonus-ristrutturazioni-2020-ecobonus-bonus-mobili-arredi-bonus-verde-facciate-legge-di-bilancio-2020jpg

Il rifacimento dell’intonaco dell’edificio dà diritto al bonus facciate del 90% a condizione che l’immobile si trovi in zona A o B. Tuttavia, se il lavoro comporta un’alterazione termica del fabbricato oppure viene effettuato per oltre il 10% della superficie disperdente lorda, si avrà diritto al bonus solo se vengono rispettati i requisiti di isolamento termico.

Così come, qualora si decidesse di realizzare l’isolamento esterno a cappotto, la detrazione è ammessa solo con la redazione e deposito presso il Comune della pratica edilizia e della relazione termotecnica ex-legge 10/91 con la quale si verificano i requisiti di legge sul risparmio energetico.

Considerando quindi la necessità di un tecnico è bene ricordare che rientrano nell’agevolazione anche le spese per i professionisti, vale a dire quelle per l’architetto, il geometra, ecc.

 

QUAL'È IL LIMITE DI SPESA?

Ad oggi il bonus facciate non pone un limite massimo di spesa. Quindi, che si tratti di 2.000 euro o di 30.000 euro si può sempre accedere a detrazione.

 

CHI PUÒ GODERE DELLA DETRAZIONE? 

Salvo modifiche future, attualmente hanno diritto al bonus facciate non soltanto i proprietari o i titolari dei diritti reali sull’immobile ma anche l’inquilino, il comodatario o il titolare di un diritto reale di godimento (ad esempio l’usufruttuario o chi beneficia del diritto di uso o di abitazione).

detrazioni-fiscali-700x438jpg
Inoltre, hanno diritto al bonus facciate, purché sostengano effettivamente le spese e siano documentate sulle fatture e sui bonifici: il familiare convivente del proprietario o del detentore dell’edificio oggetto dell’intervento (coniuge, parenti entro il terzo grado o affini entro il secondo grado); il componente dell’unione civile; il coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;  il convivente more uxorio, non proprietario dell’edificio né titolare di un contratto di comodato.

Non ha diritto al bonus facciate chi ha un reddito inferiore agli 8.000 euro, poiché sono già in zona no tax.


Hai qualche dubbio? Hai bisogno di una consulenza? Contatta il team tecnico PRA!